Petra - Giordania

Petra Giordania

Il sito archeologico di Petra è uno dei luoghi più affascinanti al mondo. L'antica città è adagiata a valle della regione montuosa di Edom a circa 250 chilometri a Sud di Amman, la capitale della Giordania. Conosciuta in tutto il mondo come la “Città rosa”, per il caratteristico colore delle sue pareti, Petra è una città scavata nella roccia e incastonata tra gli anfratti della montagna. I suoi edifici, ricavati direttamente dalla roccia, sono splendidi esempi di architettura antica, che sono resi ancor più affascinanti dalle spettacolari variazioni cromatiche degli strati rocciosi, con sfumature che vanno dal giallo ocra al rosso fuoco al bianco, intervallati qua e là da strisce verdi e azzurre.

L'intera area costituisce un'attrattiva di interesse turistico a livello mondiale ed è uno dei siti che per la sua unicità è stato dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'Unesco. Per la tutela del sito, tutte le strutture turistiche sono state costruite poco lontano, nella città di Wadi Musa, che si trova vicino all’entrata di Petra.

Il sito archeologico è raggiungibile da nord-ovest percorrendo uno stretto sentiero di montagna e da est attraverso la gola del Siq: una spaccatura della roccia che costituisce un angusto passaggio lungo circa 1,5 km e profondo fino a 200 metri; si tratta dell'accesso principale, che nel punto più stretto misura appena due metri di ampiezza.

Petra è una città fondata oltre 2.000 anni fa dalla civiltà dei Nabatei, che vi si stabilirono e costruirono i meravigliosi edifici scavati nella roccia che l'hanno resa nota in tutto il mondo. Oltre alla sua bellezza, Petra era conosciuta in passato grazie alla sua postazione strategica, che ne ha fatto uno snodo principale delle rotte commerciali della seta e delle spezie. Durante il regno nabateo la città era ammirata ovunque sia per la cultura, che per l’imponente architettura e l’ingegnoso complesso di dighe e canali.

Per un lungo periodo compreso tra il XVI e il XIX secolo, l'interesse verso la città di Petra diminuì, e non si ebbero notizie rilevanti fino al 1812, quando un viaggiatore svizzero di nome Johann Ludwig Burckhardt si recò ad esplorare le rovine presso Wadi Musa. Egli realizzò ben presto che quei resti appartenevano in realtà all'antica città di Petra, ridestando così l'interesse di studiosi e archeologi, che organizzarono le prime spedizioni.

Oggi il sito archeologico di Petra è uno dei luoghi più visitati al mondo. Tra le molte attrattive da visitare in questo sito, spicca per la sua bellezza il monumento di El Khasneh al Faroun, o il Tesoro del Faraone, maestoso edificio interamente scavato nella roccia, il primo visibile dall'ingresso est. Da vedere sono anche le tombe reali, tra cui quella di Sestio Florentino governatore romano del II secolo, ma anche il bel teatro romano, riconoscibile dalla classica struttura a semicerchio con gradinate.

To post a comment, please Login or Register
David - 22 days ago
Petra è un posto affasciante e totalmente fuori dal tempo.
Le domande che vengono alla mente passaggiando per le vie di questo imponente sito archeologico sono da vero tante.
La prima è: Come hanno fatto a scolpire tutti questi tempi nella roccia? E pensare che sono altissimi e scavati per decine di metri all'interno!
Vi consiglio di andarci almeno per un giorno, e di fare l'escursione fino al monastero, perchè la sù vi è un punto strategico dove è possibile ammirare un panorama bellissimo sulla valle di Petra.